Archivi tag: alienato romanzo fantascienza citazioni e book

Alienato di Claudia Crocioni Capitolo 1 Pagina 3

Capitolo1 Pagina 3

(…)

Parigi era molto bella, pulita e multietnica. I palazzi, pur simili tra loro, possedevano particolarità intrinseche in ogni punto delle loro variopinte facciate. Presto i caffè avrebbero ospitato qualche impiegato abitudinario o qualche nuovo turista, esponendolo alla strada attraverso le loro ampie vetrine trasparenti. Gli stessi turisti che poi si sarebbero affacciati dalla balconata panoramica che fronteggiava la Basilica del Sacro Cuore, nel punto più alto di Montmartre, ascoltando motivetti italiani con le rispettive fidanzate o ridendo di un artista di strada. Tra qualche ora, le donne avrebbero riempito i vicoli di cappellini colorati, passeggiando per le vie con in mano una baguette calda. La Senna, come al solito, scorreva gelida spaccando la città a metà, senza rallentare mai, nemmeno per lanciare uno sguardo alla Tour Eiffel. Mentre vicino al Trocadero l’erba stava sbrinando e più a sud si svegliava il quartiere latino. Boulevard Saint-Germain già pullulava di traffico come la doppia corsia di Avenue des Champs-Élysées, la quale si mostrava perennemente rossa a destra e bianca a sinistra, sia che la si guardasse dando le spalle all’Arc de Triomphe, sia dal lato opposto, da Place de la Concorde. Non faceva differenza.

 

Nacqui nel 2009. Tutti i miei parenti morirono in macchina per un incidente stradale quando ero molto piccolo, proprio al confine tra Italia e Francia. Ricordo a malapena i loro volti. Ricordo a malapena le poche patetiche ovvietà. Una fra tutte i lunghi capelli di mia madre, o il calore dell’addormentarsi fra le braccia di un genitore. Comunque avendo due anni, non feci in tempo a imprimerli nel mio ego. Semplicemente non c’erano. Tutti i bambini possedevano un qualcosa che per me non esisteva. Del resto non puoi sentire la mancanza di ciò che non hai mai avuto. Infatti io mi ritrovai in un orfanotrofio, e crebbi.