alienato di claudia crocioni capitolo 1 pagina 4

alienato di claudia crocioni capitolo 1 pagina 4 

(…)

Nel 2020, in seguito al controllo della legge sugli affidamenti, la casa famiglia mi affidò a qualcuno: Mila e Greta La Rue. Era infatti divenuto tutto molto più semplice per chi avesse voluto ricevere in affidamento un bambino, purché questo non fosse in fasce, e il genitore acquisito rispecchiasse un modello sociale rispettabile; ovvero: fosse provvisto di reddito e patrimonio abbondanti, nonché, di un’accertata sanità mentale garantita da fonti sicure quali test psicologici e assistenti sociali. Tra burocrazia e altro, entrai nella mia nuova famiglia all’età di undici anni. Le mie sorelle adottive erano italo francesi. Il frutto del matrimonio fra una romana e un parigino, di cui Greta assorbì le influenze paterne e Mila le materne. Quando le vidi per la prima volta, loro abitavano a Roma. Mila, che fra le due era la più grande, aveva ventitré anni. Era matura, bene istruita e poteva, in certi momenti, dimostrare più dei suoi anni. Aspirava alla direzione di una nota banca toscana e ora che aveva trentasei anni era prossima a conseguire tale incarico. La morte dei suoi genitori l’aveva spinta a condividere la sua ricca eredità con qualcuno che avesse subìto la sua stessa disgrazia. Qualcuno che non fosse abbastanza cresciuto per cavarsela da solo, ma che non fosse ancora troppo piccolo, prima di dover crescere. Qualcuno come me.

 Greta invece, aveva quattro anni più di me. Era fisicamente piccola e monocromatica. Ogni suo tratto possedeva il pigmento dorato che era il suo colore predominante nei capelli, negli occhi e nella pelle.

 

Tutto si complicò quando, terminata la mia adolescenza, mi resi conto di avere un debole per lei. Del perché avessi iniziato a desiderarla non saprei, però credevo di poter chiaramente distinguere fra i tanti eventi che mi portarono a innamorarmi. La prima volta che capii di volerla così intensamente da non (…)

 

Vi ricordo che potete visionare le pagine precedenti qui sul blog 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...